GONNA DRITTA BASE

COME FARE CARTAMODELLO DELLA GONNA DRITTA SU MISURA

Gonna dritta è il primo capo dal quale si impara a cucire, ma non vuol dire che sia del tutto semplice 🙂

E’ semplice realizzare cartamodello della gonna dritta, se osservare tutte le regole per la costruzione del modello.

Vedi questo video e leggo articolo!

Come ogni modello, si inizia dalla presa delle misure.

Ricordiamo che le misure si prendono con abbigliamento leggero possibilmente aderente, con un elastico o il nastro legato in vita e bacino, se usi elastico, usa quello stretto da 4 millimetri perché risulta più comodo.

cartamodello gonna dritta su misura
imag.1 PRESA DELLE MISURE

Si consiglia di prendere misure con le scarpe con tacco, se si portano abitualmente, perché il tacco cambia postura, quindi anche alcune misure variano un’po.

MISURE

Circonferenza vita – punto vita è il punto più stretto del busto, poi c’è il punto vita dove ogni persona preferisce indossare le gonne o pantaloni, NON confondere con quel punto vita,  per il modello base si misura il punto più stretto del busto, e poi se necessario, si scende da quel livello per fare vita più bassa o vicevrsa.

Circonferenza Bacino – qui c’è un particolare: bacino si misura compreso la sporgenza della pancia (se quella  è presente), si usa una riga come tangente, rigorosamente verticale al pavimento, chiedete alla cliente di tenere la riga, tanto sta senza fare niente :)…. e si prende circonferenza del bacino compreso quella riga.

Perché si misura cosi?  Perché  circonferenza sotto la pancia, cioè sul bacino è minore, quindi gonna  risulterà stretta, e poi esattamente lì sotto la pancia si formano delle pieghe orizzontali, e sono molto evidenti quando si cammina, e la gonna tende di salire in alto.

 

gonna dritta su misura

Altezza bacino o livello bacino – si misura di lato distanza dal elastico della vita fino al elastico sul bacino.

Lunghezza vita-terra – forse per le meno esperte questa misura potrebbe sembrare strana, ma è utilissima 🙂

Si misura dalla vita a terra di lato, dietro al centro, e sul davanti al centro, tutto rigorosamente dal elastico legato in vita e posizionato per benino.

A COSA SERVE QUESTA MISURA?

Serve ad avere la gonna ben bilanciata sulla figura, che il fondo della gonna è rigorosamente orizzontale senza “salire” sul dietro o sul davanti, e cucitura laterale è verticale.

La nostra figura ha delle sporgenze: pancia, fianchi e glutei, tutte quelle sporgenze non sono uguali.

Se facciamo la linea della vita orizzontale tutta para, nel modello viene l’errore più comune è quello che  la gonna viene  più corta sul dietro e si alza in sù, difetto diventa più evidente con glutei ampi.

Vuol dire che sul dietro manca lunghezza del tessuto sufficiente per vestire le natiche, e il fondo della gonna sale a tradimento e tende andare verso l’esterno.

La stessa cosa potrebbe succedere sul davanti, se la figura ha la pancia sporgente. Per questo dobbiamo misurare tutte le lunghezze dalla vita a terra seguendo linea del corpo. Cosi linea del fondo della gonna deve essere retta tutta para, mentre livello vita è regolato in base alle nostre forme, magari più scavato sul davanti e più altro sul dietro.

 

cartamodello gonna dritta
3. LUNGHEZZA VITA PAVIMENTO DEL DAVANTI, DI LATO E DIETRO

VESTIBILITA’

Un “tubino” parla per sè, vestibilità per circonferenza vita è consigliata da 0 a 2 cm,

 certo, si può prendere anche 2 cm,  se qualche volta a cena mangiate troppo e non vi entra la pancia…..ma comunque sono troppi.

personalmente consiglierei 0 cm, mentre per il bacino 0-4

0 cm solo per tessuti elasticizzati

1-4 per tessuti normali

per un bel tubino non troppo attillato valore ideale è di 2 cm per mezza circonferenza del bacino


Iniziamo la realizzazione del cartamodello gonna dritta su misura

abbreviazioni:

C. – circonferenza

S.C. – semi circonferenza

Largh. – larghezza

Vest. – vestibilità


Misure:                                                                                    VESTIBILITA’

C.Vita = 68 cm                                                                   per C.Vita = 0 cm

C.bacino = 92 cm                                                              per C.Bacino = 2 cm

Livello bacino = 19 cm

Lunghezza gonna = 60 cm

Lung. vita – terra davanti = 104,6 cm

Lungh. vita-terra di lato =  106,5 cm

Lungh. vita-terra dietro = 107 cm

INQUADRAMENTO

1.Disegnare un angolo retto

A-B = 1/2C.Bacino + Vets. = 46+1=47 cm

modello, cartamodello gonna dritta, come fare gonna a tubino
GRAFICO 1.

 

A-C = 19 – livello bacino (misura)

A-E = lungh. gonna

GRAFICO 2

 

Cucitura del fianco della gonna A1-A3

1/2 A-C – esattamente dal centro del’inquadramento tracciare una perpendicolare alla A1-A3

un’po di filosofia a riguardo:  

Normalmente la linea del fianco viene spostata di 1 cm verso il dietro, quindi parte dal davanti è più grande di quella del dietro, questo serve a riportare visualmente cucitura laterale al centro del fianco, MA non è indispensabile nelle taglie piccoli, o nei casi quando richiede il modello,

ad esempio se la gonna è a pieghe, le pieghe devono essere distribuite in modo uguale sia sul davanti che sul dietro, per questo è necessario che  davanti e dietro sono uguali, come larghezza.

Indispensabile invece nelle taglie più grandi, dalla 44 in poi, anche se tg. 44 non è grande, e ne anche la tg.46  tutta via il tubino è più bello se il taglio si è spostato verso dietro, in tal caso la linea A1-A3 sarà:

B-A1 = A-B /2 + 1 

esempio: 46/2 + 1 = 24 cm

 

cartamodello gonna dritta
GRAFICO 3. INQUADRAMENTO GONNA

Posizione delle riprese della vita

Vengono posizionati rispettivamente più verso il centro dietro e davanti, qualcuno li realizza al contrario molto distanti, a a mi oavviso pence vita troppo vicino al fianco cambia vestibilità della gonna, certo, vengono coperte con la giacca se è indosstata.

P= 0,4 x A-A1

esempio: 0,4 x 23,5 = 9,4 cm, IDEM sul davanti, se davanti e dietro sono uguali,

se non sono uguali, il davanti è più grande, nel nostro caso erano di 24 cm, quindi 24 x 0,4 = 9,6 cm

disegnare le perpendicolari alla linea del bacino.

L’inquadramento è pronto.

 

cartamodello gonna dritta
GRAFICO 4. POSIZIONE PINCE DELLA VITA

DEFINIZIONE DEL DAVANTI E DEL DIETRO CARTAMODELLO GONNA DRITTA

CALCOLO DELLE RIPRESE.

Somma di tutte le riprese della vita è differenza tra semi circonferenza bacino compreso vestibilità e semi circonferenza vita compreso vestibilità, quindi

 

∑ riprese = (1/2C.Bacino + Vest.) – (C.Vita + Vest.)

esempio: 47 – 34 = 13 cm vestibilità della vita era 0 cm, quindi abbiamo solo misura, mentre bacino compreso vest. è di 47 cm

13 cm di scarto che dobbiamo togliere così:

Ripresa laterale:           0,5 x 13 = 6,5 cm (metà di tutta la somma dello scarto, ripresa è intera, quindi va disegnate metà per parte dai 6.5 cm)

Ripresa del davanti:    0,15 x 13 = 1,95   (poco più di un decimo diella somma di scarto, il valore 1,95  in questo caso si può arrotondare fino a 2 cm

Ripresa del dietro:       0,35 x 13 = 4,5 (poco più di un terzo di tutto lo scarto) I valori 0.5 ; 0.15; 0.35 per calcorare le pence vita sono fisse per ogni taglia e risultano migliore dal punto di vista di vestibilità.

 

N.B se ripresa del dietro è più ampia  di 4 cm è consigliabile di dividerla in due pence, per  miglior aspetto estetico, di solito si fa una ripresa di 3 cm sempre, e altra di restanti centimetri, quindi nel nostro caso 1,5 cm

N.B2 i valori di calcolo 0.15; 0.35 e 0.5 sono fissi per tutte le taglie, è unba distribuzione ecua dello scarto del eccesso in vita.

Dal punto A misurare a destra e a sinistra 3,25 cm (6,5 :2 = 1,25), segnare punti A3 e A4

A-A3 = A-A4 = 3,25

 

cartamodello gonna dritta
GRAFICO 5. PINCE LATERALE

 

 

Unire punti A3 e A4 con la linea del bacino con curvilinee, le linee non devono essere troppo curve, bisogna ricordare che il nostro bacino non sporge in modo troppo curvo 🙂 tranne le figure con vita sottile che fianco può essere abbastanza arrotondato.

cartamodello gonna dritta su miura
GRAFICO 6

 

 

Ripresa del dietro

P-P1 = P-P2 = 2,25 (ampiezza era di 4,5 cm, quindi la metà fa 2,25) non arrotondare valori delle riprese, è consentito di arrotondare solo di 1 mm

volendo si può costruire ripresa ampia  4,5 cm, ma siamo al limite consentito, quindi di seguito vi dimostro come fare due riprese.

Lunghezza della ripresa

P-P3 =  15-17 cm , più sporgente  glutei, più lunga deve essere ripresa.

unire P3 con punti P1 e P2 con linea retta, è arrotondarla un’po verso interno per miglior vestibilità

 

 

GRAFICO 7. PINCE DELLA PARTE POSTERIORE

DUE RIPRESE del DIETRO

Se ampiezza della ripresa del dietro è più grande di 4 cm, quest’ultima va divisa in due, come regola una resta più ampia di 3 cm, ed è posizionata verso il centro, mentre la seconda ripresa è più piccolina ed è più corta.

Distanza minima ottimale tra le riprese  3 cm, non meno, qui bisogna avere un approccio creativo, e posizionare riprese in modo carino, non troppo vicine tra di loro, ne troppo vicine al centro, per un aspetto estetico della gonna.

Ripresa più grande P-P33 lunga 16 cm, ripresa più piccola P4-P44 12-13 cm

GRAFICO 8. PARTE POSTERIORE CON DUE PINCES

 

 

A-A9 = 0,5 cm – personalmente faccio sempre questa piccola ripresa, se la gonna è prevista con cucitura centrale, ed è cosi in 99% di modelli tubino, paradossalmente in questa zona gonna resta larga di quel poco, e non aderisce alla vita. Unire punto A9 con linea del bacino.

 

PENCE DEL DAVANTI

Pence del davanti è piccolina, è non supera mai 1 – 1,5 cm, salvo casi particolari, o in caso di sporgenza di pancia nella parte bassa, nelle taglie piccoli potrebbe essere addirittura di 7-8 millimetri, se è cosi non viene progettata per niente, e l’eccesso si toglie dal fianco.

P1-P6= P1-P7 = 1/2 x 1,95 = 0,97, arrotondiamo fino a 1 cm

Lunghezza della ripresa varia tra 9 e 12 cm

N.B. più sporgente la pancia più corta deve essere ripresa,  ottimale lunghezza di 9-10 cm

P1-P2 = 11 cm

 

GRAFICO 9. PINCE DEL DAVANTI

 

Abbassare centro del davanti B-B1 di 2,1 cm

questa è la differenza tra lunghezza vita-terra davanti e vita-terra di lato, è posizione naturale della line della vita, anche se può capitare che misure coincidono, in quel caso linea della vita non si abbassa.

Unire punti B1  A4 con curvi linee, avendo cura di tracciare inizio della linea dal punto B1 esattamente perpendicolare, per evitare che linea della vita è a punta.

Al centro del dietro invece, se necessario, alzare punto vita, può succedere con glutei molto sporgenti.

 

cartamodello gona dritta
GRAFICO 10. LINEA DELLA VITA DEL DAVANTI

 

 

Ora la base della gonna è pronta, manca linea dell fianco, visto che facciamo un tubino,  questo tipo di gonne viene ristrette in fondo per 2-2,5 cm su ogni lato,

se la vostra gonna è di 8-10 cm al di sopra del ginocchio, restringimento in fondo è di 1,5 cm al massimo. Più lunga la gonna e più si restringe in fondo.

Nel mio tracciato ho ristretto di 2,5 cm, quindi

A3-A6 = A3-A7 = 2,5 cm

 

gonna dritta a tubino, modello
GRAFICO 11. LINEE DEL FIANCO

 

CINTURINO (CARTAMODELLO GONNA DRITTA)

Per il cinturino non è necessario  il cartamodello, in quanto è un rettangolo con altezza standard di 3,5 cm, tuttavia se sei assoluto principiante puoi fare il cartamodello, anche se io insegno i miei alunni di tagliare il cinturino direttamente su stoffa.

Lunghezza del cinturino è

C.Vita della gonna + 6 cm, misuriamo lunghezza vita della gonna attenzione a NON confondervi con circonferenza vita, si misura esattamente la gonna cha abbiamo realizzato,

nel nostro caso sono di 34 cm + 6 cm = 40

poi, se tessuto non è sufficiente, piegatelo a metà e fate cinturino con il tagliofacendo concidere il taglio del cinturino con il taglio del fianco gonna.

La cerniera può essere realizzata sia di ficanco sia al centro dietro, dove preferite!

 

 

modello gonna dritta, tubino
GRAFICO 12. MODELLO GONNA CON CINTURINO

 

DOPO AVER CREATO CARTAMODELLO DELLA GONNA DRITTA SU MISURA PASSA ALLA CONFEZIONE  >>

#gonnadritta #gonna #cartamodellogonna


 

 POTREBBE INTERESSARTI:

5 thoughts on “GONNA DRITTA BASE

  1. verdiana says:

    grazie , queste spiegazioni mi sono servite molte , faccio il primo anno di sartoria/moda alla scuola Bartolomeo Montagna ed non ho capito la spiegazione della prof ma grazie a queste ora ho compreso tutto ,grazie molte

    • Irina says:

      Grazie Verdiana, mi fa piacere che hai capito quello che non ti è stato chiaro….
      ma questa è un altra metodica, forse quella che usate voi a scuola più complicata…..
      comunque se non hai capito la prof, forse bisogna chiedere ulteriori spiegazioni?….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.